Articolo precedente
Articolo successivo

Uomo sopravvive a un colpo alla testa

Tempo di lettura
1 minuto
Letto finora

Uomo sopravvive a un colpo alla testa

Postato in:

Non è la prima volta che accade. Il noto sito americano The Firearm Blog ha appena diffuso una notizia su un evento piuttosto sorprendente - ma non impossibile: un uomo è stato colpito alla testa da un colpo di arma da fuoco, ma è sopravvissuto!

Man survives a Head Shot!

Il sito The Firearm Blog riporta la notizia in questi termini:

"Ha l'idea di essere un forte mal di testa. Ho trovato questa foto su Facebook, dove era riportato che Rodrigo Moreira è stato vittima di una rapina e che i rapinatori gli hanno sparato alla testa dopo avegli rubato la moto.

Non ci sono molte informazioni su come si è svolta la rapina. Rodrigo indossava non un casco, ma un elmetto? Quanto erano distanti i rapinatori? Quando gli hanno sparato? A bruciapelo o gli hanno sparato mentre scappavano via?

Dalla foto sembra che il proiettile piantato nel cranio di Rodrigo Moreira sia un .45 ACP. Se non indossava un elmetto, allora l'unica spiegazione sul fatto che sia sopravvissuto è che la cartuccia era pesantemente sottopotenziata.

Ricordo vagamente una storia circa criminali che recuperavano e pulivano bossoli al termine di sparatorie, sia che fossero i loro o della polizia, per poi riutilizzare i bossoli per ricaricarli.

Se questo fosse vero bisogna ammettere cheRodrigo è stato molto fortunato ad essere stato sparato con una ricarica scadente."
 


Una volta passato il mal di testa, il tizio ricorderà l'evento per il resto della sua vita. Ma anche noi abbiamo una lezione da imparare da fatti come questi.

Siamo anche noi propensi a creder che quanto accaduto sia il risultato di una cartuccia ricaricata male. Ha senso anche in considerazione del fatto che i veri criminali - in linea generale - non possono andare in armeria a comprare legalmente le armi e le munizioni (come ben NON SANNO alcuni personaggi al Parlamento Europeo che portano ingiustamente a casa lo stipendio dopo aver vaneggiato di cose che non sanno o non vogliono sapere).  

Ancora una volta, la conclusione "tecnica" è: per scopi di difesa personale, MAI usare cartucce ricaricate! MAI!
O perlomeno, se non lo sapete fare, non lo fate...

(Si, daccordo, anche noi sappiamo con certezza di munizioni di fabbrica che hanno fallito a causa di problemi avvenuti durante il ciclo produttivo, ma si tratta di "eccezioni che confermano la regola")