Pubblicità
Sightmark Latitude 10-40x60 F-Class

Chiappa Firearms ACP, il sistema d'addestramento "Force-on-Force"

Tempo di lettura
2 minuti
Letto finora

Chiappa Firearms ACP, il sistema d'addestramento "Force-on-Force"

Postato in:

IWA 2017 - Il gruppo Chiappa ha esposto all'EnforceTac il suo sistema d'addestramento laser ACP, dedicato all'impiego militare e di Polizia

Armi Chiappa lancia il sistema d'addestramento professionale ACP

Il sistema ACP si basa su una serie di emettitori laser compatibili con pistole, carabine, armi a salve e repliche Soft-Air

Il sistema ACP si basa su una serie di emettitori laser compatibili con pistole, carabine, armi a salve e repliche Soft-Air

Al pubblico generale, il nome della Armi Chiappa riporta alla mente repliche, armi da caccia, da tiro sportivo e da difesa. Ma c'è molto di più dietro!
In occasione del salone professionale EnforceTac 2017 di Norimberga, il gruppo Chiappa ha presentato il sistema d'addestramento laser ACP, dedicato alla simulazione di scenari dinamici e virtuali per gli operatori professionali, non limitatamente al tiro ma anche alla simulazione di approccio a persone sospette e alla De-Escalation di situazioni rischiose.

VIDEO / La semplicità e la versatilità delle sue componenti consente il trasporto del sistema ACP e il suo rapido montaggio per l'impiego in ogni situazione e sia all'aperto che al chiuso, oltre all'uso di armi da fuoco, armi a salve o persino repliche Soft-Air.

Al centro del sistema ci sono i giubbotti reattivi ActionVest e ActionVest Pro, dedicati all'impiego nelle simulazioni Force-On-Force, e la loro variante SimuVest dedicata all'uso in scenari virtuali tramite simulatori a schermo.

Tre pistole dotate degli emettitori laser del sistema ACP

Tre pistole dotate degli emettitori laser del sistema ACP

Tutti e tre presentano pannelli modulari, spostabili e rimpiazzabili a seconda della configurazione; quando colpiti da un fascio laser non visibile all'occhio umano, della durata di un secondo e mezzo, essi attivano un segnale radio o – a seconda della versione – un cicalino e un LED intermittente.

Gli emettitori laser si installano sulle armi usate nelle simulazioni, e ne esistono diverse versioni denominate SureStrike, R.E.A.L., LA-FLASH, TRS e VRS.

Uno dei pannelli reattivi e il LED con cicalino del sistema ActionVest

Uno dei pannelli reattivi e il LED con cicalino del sistema ActionVest

Il modello SureStrike, compatibile con repliche Soft-Air e con armi vere o a salve, è concepito per il tiro a secco e consente all'operatore di familiarizzare con le diverse tecniche di tiro da posizioni statiche nelle prime fasi dell'addestramento. I sistemi R.E.A.L. ("Recoil Enabled Airsoft Laser") e LA-FLASH sono invece dedicate all'uso su repliche Soft-Air a gas, elettriche, o a CO², che in molti Paesi stanno sostituendo i sistemi Simunition per l'addestramento Force-on-Force degli operatori professionali grazie ai costi bassi e alla pericolosità nulla.

Infine, i sistemi TRS ("Tetherless Recoil System") e VRS ("Versatile Recoil System") sono specificamente ideati per armi vere, e si installano rimpiazzando la canna dell'arma oppure avvitando un falso silenziatore alla volata; in alcuni casi è prevista anche la sostituzione del gruppo-otturatore, del caricatore, o di entrambi.

L'emettitore laser Versatile Recoil System del sistema ACP montato su una vera Glock 23

L'emettitore laser Versatile Recoil System del sistema ACP montato su una vera Glock 23

Negli ultimi due casi, il sistema consente anche l'uso di bombolette commerciali di CO² da 12 grammi contenute nei caricatori sostitutivi, o di un serbatoio ricaricabile di CO² inserito nella canna d'addestramento, per simulare in maniera molto energica la firma sonora, il rinculo e il rilevamento dell'arma negli stadi più avanzati della preparazione dell'operatore.
I sistemi dedicati alle armi vere non alterano nulla nell'arma, cosicché gli operatori potranno familiarizzare con le reazioni dell'arma in maniera estremamente realistica.

L'installazione dei sistemi sulle armi da fuoco, e la loro successiva rimozione per il ripristino delle capacità operative, non richiedono modifiche permanenti; a differenza di altri sistemi, come le già citate Simunition, inoltre, la combinazione di emettitore laser a batteria e simulatore a CO² consente di mantenere i costi d'esercizio al minimo anche per usi molto intensi e prolungati senza causare usura alle armi.