Tecnica: l'accertamento dello stato della pistola semiautomatica

Tempo di lettura
3 minuti
Letto finora

Tecnica: l'accertamento dello stato della pistola semiautomatica

Postato in:

Ovvero come evitare in pochi passaggi di far partire per sbaglio un colpo durante la manipolazione della pistola semiautomatica - specialmente quando siete in casa e non siete da soli.

Tecnica: l'accertamento dello stato della pistola semiautomatica

Pubblicità
Sabatti_Tactical_EVO_728x90_white
la prima regola di sicurezza da osservare: dito lontano dal grilletto. la pistola è impugnata con la mano forte. la volata deve essere indirizzata verso la zona più sicura possibile che in alcuni casi: non esiste

la prima regola di sicurezza da osservare: dito lontano dal grilletto. la pistola è impugnata con la mano forte. la volata deve essere indirizzata verso la zona più sicura possibile che in alcuni casi: non esiste

Questo articolo è dedicato ai neofiti (detti anche rookie) gli esperti possono anche saltarlo. Ma le riviste di armi dovrebbero rivolgersi specialmente a chi zoppica soprattutto in termini di sicurezza nel maneggio. Queste righe sono da collegarsi all’altro articolo dove parlo dello scatto a secco di prova e le sue controindicazioni, che a volte a secco non è, e anzi, può dare brutte sorprese.

 

In effetti più che le parole in questo caso valgono le immagini mostrate alle quali un minimo di spiegazione deve essere aggiunta.

 

L’accertamento dello stato dell’arma è in parole povere il controllo della camera di cartuccia che permette senza ulteriori dubbi di conoscere se l’arma è pronta all’uso (può sparare) oppure no, quindi deve essere sempre eseguito.

l'accertamento inizia estraendo il serbatoio dal fusto della pistola. in questa fase non si deve mani passare l'arma da una mano all'altra. notare l'indice posto davanti la costolatura del serbatoio

l'accertamento inizia estraendo il serbatoio dal fusto della pistola. in questa fase non si deve mani passare l'arma da una mano all'altra. notare l'indice posto davanti la costolatura del serbatoio

Chi ha compreso che una pistola con la camera di cartuccia vuota perde molta della sua efficacia in situazioni difensive, deve controllare che la provvidenziale cartuccia sia inserita nella canna effettuando una manipolazione tipo quella mostrata nella foto di apertura. Nello stesso modo se è necessario controllare la pistola per i motivi più disparati (per esempio smontarla per pulirla), è necessario verificare che la camera di cartuccia sia vuota e in caso contrario estrarre la cartuccia presente.

 

Evito di utilizzare il termine “scarica” perché parlando di armi questo sostantivo non dovrebbe esistere (considera l’arma sempre carica).

 

Per effettuare l’accertamento dello stato dell’arma senza errori (in questo caso arma priva di cartucce) esiste un solo sistema, un algoritmo o sequenza non modificabile pena errori spesso irreparabili.

dopo aver estratto il serbatoio questo può essere riposto su un ripiano, in tasca o nell'apposito contenitore

dopo aver estratto il serbatoio questo può essere riposto su un ripiano, in tasca o nell'apposito contenitore

La procedura inizia dopo aver impugnato la pistola con la mano forte, tenendo il dito lontano dal grilletto e indirizzato la volata dell’arma verso la zona più sicura disponibile nel luogo ove ci troviamo.

 

Questo è più facile a dirsi che a farsi. Sparare per sbaglio una cartuccia in un’abitazione provoca sempre e comunque danni. Da evitare di puntare l’arma verso pavimenti in marmo, piastrelle in ceramica o sanitari che possano generare pericolosi rimbalzi.

 

Si ritiene che un angolo del soffitto possa essere in grado di contenere i rimbalzi e l’energia cinetica di cartucce da pistola normalmente utilizzate per difesa. Da notare che nelle foto del presente articolo, per maggiore comprensione, l'arma è mostrata con diverse angolature.   

l'arretramento del carrello effettuato con la "power stroke", permettendo più forza rispetto la "sling shot", risulta vantaggioso anche nella risoluzione di malfunzionamenti

l'arretramento del carrello effettuato con la "power stroke", permettendo più forza rispetto la "sling shot", risulta vantaggioso anche nella risoluzione di malfunzionamenti

La seconda azione da compiere è togliere il serbatoio dal fusto. Sempre tenendo l’arma con la mano forte, indirizzata verso l’angolo del soffitto, il dito lontano dal grilletto, si provvede ad azionare il pulsante sgancio serbatoio.

 

Nel più diffuso sistema americano che prevede il pulsante lungo il fusto, si dovrebbe azionare il meccanismo con il pollice della mano forte e ricevere il serbatoio con la mano debole. Nel desueto sistema europeo (per esempio pistole Walther PPK o Beretta 34) occorre azionare il meccanismo, posto alla base del fusto, con la mano debole.

 

Questo è il momento dove si compie l’errore fatale. Chi dimentica di estrarre il serbatoio o lo fa successivamente, dopo aver arretrato il carrello otturatore estrae una cartuccia e ne inserisce un’altra oppure inserisce una cartuccia al momento. Se a seguire si effettua il famigerato scatto di prova il danno è assicurato. Quindi prima di arretrare il carrello si deve togliere il serbatoio.

invece di effettuare innumerevoli quanto inutili arretramenti del carrello occorre bloccare lo stesso in apertura e controllare visivamente  che la camera di cartuccia sia vuota

invece di effettuare innumerevoli quanto inutili arretramenti del carrello occorre bloccare lo stesso in apertura e controllare visivamente che la camera di cartuccia sia vuota

Tolto il serbatoio si effettua il controllo della camera di cartuccia arretrando il carrello otturatore.

 

Per compiere questa operazione basta posizionare il pollice della mano forte (che continua a impugnare l’arma) sotto la leva arresto carrello (hold open), arretrare il carrello e lasciarlo in posizione arretrata. Inutile effettuare multipli arretramenti. Tolto il serbatoio può uscire solamente la cartuccia precedentemente inserita nella canna.

 

L’azione che invece deve essere compiuta scrupolosamente consiste nel controllare visivamente e contemporaneamente che il serbatoio sia stato effettivamente tolto e che la camera di cartuccia sia vuota.

simultaneamente al controllo visivo della camera di cartuccia deve essere effettuato anche quello del vano serbatoio.

simultaneamente al controllo visivo della camera di cartuccia deve essere effettuato anche quello del vano serbatoio.

Per arretrare il carrello esistono due tipi di impugnature la sling shot con pollice e indice e la power stroke che avvalendosi di tutta la mano, fornendo più forza nella presa, incontra il mio favore.

 

Dopo il controllo visivo, è possibile riportare il carrello otturatore in posizione di chiusura, procedere alle operazioni di pulizia o riporre l’arma. Come ripetuto più volte anche dopo aver eseguito l’accertamento dello stato dell’arma (priva di cartucce) è da evitare lo scatto di prova.

 

Tra le controindicazioni: dopo aver effettuato lo scatto di prova innumerevoli volte, la memoria muscolare potrebbe spingervi a farlo anche dopo aver caricato l’arma... e allora BANG!  (quindi occhio!)