Legittima Difesa: difendersi in casa propria

Tempo di lettura
7 minuti
Letto finora

Legittima Difesa: difendersi in casa propria

Postato in:

Legittima difesa in casa, ma come? Un tempo i ladri non si azzardavano a forzare una porta sapendo che la casa era abitata. Ora i furti avvengono a qualsiasi ora, anche con i proprietari presenti (e non solo "di notte")

Come difendersi in casa

Per aumentare la nostra sicurezza siamo costretti a vivere in casa guardando fuori attraverso le sbarre e dotandoci di strumenti che non vorremmo mai utilizzare

Per aumentare la nostra sicurezza siamo costretti a vivere in casa guardando fuori attraverso le sbarre e dotandoci di strumenti che non vorremmo mai utilizzare

I ladri sono spesso impuniti. Accade anzi spesso che a fronte di una pur giusta reazione da parte dell’aggredito, la magistratura conceda risarcimenti osceni all'aggressore, dimenticando che chi subisce un’aggressione, sotto stress non può soppesare la propria reazione. 

Per non parlare dei tentativi di passare leggi restrittive inutili, proclamando che è solo compito delle istituzioni difendere il cittadino. E su questo, ho i miei dubbi. 

Insomma: più che le aggressioni, dobbiamo temere le leggi "che ci tutelano".

Le aggressioni, anche quelle in casa, si svolgono in tempi talmente ristretti che per le forze dell’ordine è praticamente impossibile intervenire in tempo 

Il tempo tra l’allarme e l’arrivo dei “nostri” è comunque sempre troppo lungo. In pochi minuti si possono fare molti danni.

Alcuni consigliano di chiudersi in una stanza e aspettare l’arrivo della polizia. Io credo che questa tattica, se la stanza non sia stata attrezzata a “panic room”, non sia tra le migliori, specie se non si ha nessun ausilio difensivo.

Tra l'altro chiudersi nella panic room potrebbe far apparire la nostra casa come un comodo supermercato, spingendo i ladri a tornare più volte, vista la facilità del compito. Sfondare la porta della stanza dove ci siamo rintanati è molto semplice per chi non ha remore a violare l’entrata principale. 

VIDEO / Legittima difesa: mentre il Governo "fa i disegni", noi proviamo a scherzare un po' su tutto questo (Enrico Brignano - ladri in casa)

Chi ha case dotate di uscite secondarie, avendone tempo, dovrebbe cercare di uscire dall’abitazione, evitando al massimo il contatto con gli intrusi. Purtroppo questa è un’opportunità remota. Tempi, modalità delle aggressioni, delle rapine e le moderne abitazioni, di solito non permettono di fuggire rendendo il contatto con gli intrusi inevitabile, violento e non infrequentemente mortale. Non lo dico io. Basta leggere i fatti di cronaca.

tenere a portata di mano il telecomando dell'antifurto per attivare la sirena dà l'allarme e può far desistere gli intrusi... ma non c'è da fidarsi

tenere a portata di mano il telecomando dell'antifurto per attivare la sirena dà l'allarme e può far desistere gli intrusi... ma non c'è da fidarsi

Chi decide di forzare la porta di una casa abitata non ha scrupoli. È pronto a tutto, ha una cultura basata sulla violenza. Quello che a noi può sembrare un comportamento aggressivo per certi soggetti è normalità.

I nuovi predoni, utilizzano tutti i mezzi per farsi rivelare dai legittimi proprietari di casa dove sono riposti soldi e averi. Sono impiegate armi da fuoco, coltelli, calci, pugni, lo stupro, bastoni e quanto a loro disposizione o trovato direttamente sul posto, non ultimo è stato utilizzato un ferro da stiro per torturare i proprietari di casa.

Potrà anche essere brutto dirlo, ma negli ultimi anni l'Europa si è riempita di sbandati (non sempre dei semplici "poveracci") e purtroppo, chi governa sembra non rendersi conto di mettere dei lupi a contatto con sprovveduti agnelli. 

un comodino attrezzato per la notte, pistola, torcia tattica, una lama, cellulare, telecomando antifurto

un comodino attrezzato per la notte, pistola, torcia tattica, una lama, cellulare, telecomando antifurto

Decidere di difendere noi stessi, i nostri cari e i nostri beni è da prendere in considerazione soprattutto sapendo che è in gioco la nostra vita. Non sappiamo se chi ci aggredisce si limita a toglierci solo i nostri beni e quali mezzi utilizza per farlo.

La preoccupazione di quello che accade dopo che ci siamo difesi, tenendo conto delle statistiche nefaste, relative a chi è aggredito in casa propria, deve giustamente essere presa in considerazione ma andrebbe anche ricordato il detto: better judged by twelve than carried by six.

Se prima, preparandoci per la notte, l’unica preoccupazione era quella di caricare la sveglia e mettere un bicchiere d’acqua sul comodino ora, accanto al letto, sarebbe salutare disporre altri oggetti. 

Un allegro quartetto, che tenuto rigorosamente in casa, potrebbe far desistere i malintenzionati dall'entrare nella nostra abitazione.

Un allegro quartetto, che tenuto rigorosamente in casa, potrebbe far desistere i malintenzionati dall'entrare nella nostra abitazione.

La difesa abitativa è soprattutto prevenzione: attenzione alle persone che fate entrare in casa, o con cui parlate rivelando le vostre abitudini.

Ottima idea un antifurto con sirena. Non solo quando siamo fuori, ma anche quando siamo in casa, l’allarme sonoro ci segnala prontamente ogni intrusione. 

Meglio ancora un cane, anche di piccola taglia, ma da tenere "dentro" casa: i sensi acutissimi di questi amici dell’uomo, avvertono la presenza di malintenzionati molto prima dei sistemi elettronici.

da preferire i portoni vetrati che consentono la visuale durante l'accesso o l'uscita dalla nostra abitazione. Le pareti in marmo consentono una discreta visuale laterale esterna. Notare in alto la telecamera a controllo dell'accesso.

da preferire i portoni vetrati che consentono la visuale durante l'accesso o l'uscita dalla nostra abitazione. Le pareti in marmo consentono una discreta visuale laterale esterna. Notare in alto la telecamera a controllo dell'accesso.

Indispensabili ma non risolutive, porte blindate e inferriate. Questi presidi non sono totalmente inviolabili ma possono senz’altro ritardare l’accesso dei malintenzionati e dare tempo per mettere in atto una contromossa.

Molta attenzione deve essere fatta quando entriamo e usciamo da casa. Nei condomini sono da preferire portoni vetrati per controllare chi sosta all’interno o al di fuori del nostro portone.

Altri luoghi che richiedono attenzione sono l’ascensore e il garage dove è più facile essere aggrediti. 

Vale lo stesso per chi abita in una casa dotata di giardino e cancello. Da preferire cancelli che consentano la visuale dall’interno e dall’esterno e giardini sistemati in modo che non offrano nascondigli. In alternativa dotiamoci di telecamere.

Al pari della vetrata, il cancello dotato di sbarre permette di controllare l'ambiente dall'esterno in entrata e dall'interno in uscita dall'abitazione

Al pari della vetrata, il cancello dotato di sbarre permette di controllare l'ambiente dall'esterno in entrata e dall'interno in uscita dall'abitazione

aumentiamo la sicurezza tenendo il giardino sgombro da possibili nascondigli

aumentiamo la sicurezza tenendo il giardino sgombro da possibili nascondigli

i moderni sensori volumetrici permettono di segnalare la presenza di un intruso senza però scattare se il gatto di casa passa nel raggio d'azione dell'apparato

i moderni sensori volumetrici permettono di segnalare la presenza di un intruso senza però scattare se il gatto di casa passa nel raggio d'azione dell'apparato

Se non vogliamo tenere in casa dei cani addestrati di grossa taglia che potrebbero far desistere i malintenzionati, ripieghiamo su un antifurto elettronico o un piccolo cane abbaiatore tipo un simpatico Jack Russell. 

In caso di intrusione, un espediente consiste nel far scattare volutamente l’allarme e la sirena, specialmente se abbiamo avuto l’accortezza di scegliere un sistema dotato di scheda telefonica e chiamata automatica collegata a parenti, amici o forze dell’ordine.

Soprattutto sotto stress, è più semplice premere il pulsante del telecomando dell’allarme, che comporre dei numeri sulla tastiera del cellulare, magari al buio. Probabilmente in questi frangenti non si ricorda neanche il codice di sblocco del nostro smartphone.

Ricordiamo poi anche il fatto che la linea fissa del telefono potrebbe essere volutamente interrotta dai malviventi: quindi utilizziamo il cellulare come piano “B”.

Purtroppo, dal momento in cui parte l’allarme, all'effettivo arrivo dei soccorsi (SE arrivano) passa del tempo e in questi casi anche pochi minuti equivalgono a un’eternità. 

Tenere una lama a portata di mano è sempre una buona idea. potrebbe essere utile per tagliare corde, forzare una porta e... altro

Tenere una lama a portata di mano è sempre una buona idea. potrebbe essere utile per tagliare corde, forzare una porta e... altro

Optato per l'antifurto, una volta realizzato che in casa è entrato uno o generalmente più intrusi, dobbiamo dotarci di qualche strumento utile per contrastare la violenza che potrebbe scaturire dagli aggressori. 

In casa nessuno vieta di tenere a portata di mano un coltello, utile non solo per scopi difensivi. Uno smartphone e il telecomando dell’eventuale antifurto completeranno la nostra dotazione. 

Ma prima di pensare all'arma da fuoco, il minimo necessario consiste in una torcia tattica, che definiremmo adirittura indispensabile. In realtà, una buona torcia tattica rappresenta un grande aiuto. Per consuetudine, una torcia è considerata tattica quando consente di impostare l’emissione luminosa solo alla massima potenza, quindi senza regolazioni intermedie dei lumen posseduti.

Dotiamoci di una torcia tattica, la più potente in commercio, dai 1.000 Lumen in su. In passato si sconsigliava di utilizzare torce tattiche molto potenti all'interno della casa: ma forse solo perché alcune case produttrici non ne avevano in catalogo.

Dotiamoci di una torcia tattica, la più potente in commercio, dai 1.000 Lumen in su. In passato si sconsigliava di utilizzare torce tattiche molto potenti all'interno della casa: ma forse solo perché alcune case produttrici non ne avevano in catalogo.

Nella foto: alcune nuove torce Nitecore, una fra le principali aziende produttrici mondiali

Negli ultimi 2-3 anni abbiamo assistito a una vera e propria esplosione di modelli di torce, molto potenti, che pur disponendo di regolazioni della potenza, sono dotate di caratteristiche tali da farle classificare come perfettamente idonee anche ad impieghi di tattici, quindi ottime anche in situazioni di difesa personale abitativa.

Il fascio luminoso generato da queste super torce, proiettato negli occhi, crea un muro di luce che impedisce agli aggressori di vedere e combattere.

Se si dispone di una torcia tattica, utilizziamo sempre questa per muoverci al buio, senza accendere la luce dell'abitazione, come invece consiglia qualche esperto: eviterete di diventare un facile bersaglio. E in quanto a questo, la torcia serve ovviamente anche a essere sicuri del "nostro" bersaglio, o magari, semplicemente a trovare la via di fuga. 

Le potenti torce tattiche attualmente in commercio erogano spesso oltre 800 Lumen: un bagliore tale da accecare momentaneamente chiunque sia investito dal suo fascio luminoso

Le potenti torce tattiche attualmente in commercio erogano spesso oltre 800 Lumen: un bagliore tale da accecare momentaneamente chiunque sia investito dal suo fascio luminoso

L'effetto accecante di una potente torcia puntata negli occhi non permette di continuare l'azione

L'effetto accecante di una potente torcia puntata negli occhi non permette di continuare l'azione

Un revolver in calibro .38 Special con palle in piombo è un'ottima scelta per la difesa abitativa. Lo Speed-Loader potrebbe rivelarsi utile nel caso si desideri tenere l'arma priva delle cartucce per motivi di sicurezza

Un revolver in calibro .38 Special con palle in piombo è un'ottima scelta per la difesa abitativa. Lo Speed-Loader potrebbe rivelarsi utile nel caso si desideri tenere l'arma priva delle cartucce per motivi di sicurezza

Nella foto: il revolver Taurus Defender

L’ultima risorsa è l’arma da fuoco.Teniamo conto di chi vive in casa con noi. Rispettiamotutte le regole di sicurezza per impedire che l’arma vada in mano a persone incompetenti ma consideriamo però che l’arma, in caso di pericolo, deve essere immediatamente raggiungibile. 

Gli istruttori d’oltreoceano, ai quali mi associo, asseriscono che quando si materializza un pericolo in casa devi contare fino a tre. Se al tre non hai l’arma carica in mano hai perso. Un’arma chiusa in cassaforte, a chiave in un cassetto o solamente scarica, difficilmente sarà disponibile nei pochi secondi che precedono lo scontro. 

scegliamo dei calibri adatti alla difesa abitativa considerando l'energia cinetica adeguata, evitando calibri eccessivamente potenti

scegliamo dei calibri adatti alla difesa abitativa considerando l'energia cinetica adeguata, evitando calibri eccessivamente potenti

Ultima, ma non certo per importanza: la destrezza e sicurezza nell’uso dell’arma da fuoco, cosa che si ottiene unicamente con un addestramento appropriato e costante. 

La scelta dell’arma deve tenere conto della propria preparazione, della prestanza fisica e del calibro adatto a essere utilizzato all’interno di un’abitazione.

Evitiamo calibri esasperati per arma corta  o fucili a pompa con calcio a stampella. Nel dubbio, se non siete convinti, provate a sparare qualche colpo a piena carica con un fucile calibro 12  tenuto al fianco, utilizzando l’impugnatura a pistola.

non dimentichiamo che per emergenza anche gli smartphone moderni sono dotati di una torcia abbastanza potente da farci vedere nel buio

non dimentichiamo che per emergenza anche gli smartphone moderni sono dotati di una torcia abbastanza potente da farci vedere nel buio

In questi attimi è facile scordare la combinazione della cassaforte, dove abbiamo nascosto la chiave del cassetto, la scatola delle cartucce o il caricatore della pistola. Se utilizziamo un’arma per difesa abitativa, riporla separata dalle cartucce e in luoghi diversi o tenere l’arma smontata non ha nessun senso pratico.

Se non possiamo fare a meno di tenere l’arma scarica e smontata, rendendola un puro oggetto da collezione, non c’è altra alternativa dei molossi. 

Il problema è che le cose non sempre vanno per il verso giusto, soprattutto quando non abbiamo esperienza e non sappiamo cosa fare.

Il problema è che le cose non sempre vanno per il verso giusto, soprattutto quando non abbiamo esperienza e non sappiamo cosa fare.

Guarda i video della Arsenal Firearms Academy, e leggi l'articolo di presentazione

ricordiamoci di attivare tutti i nostri sistemi difensivi.

ricordiamoci di attivare tutti i nostri sistemi difensivi.

I magistrati interpretano la legge. Sembra però l'interpretazione volga spesso a sfavore dei cittadini onesti.

Gli stessi giudici che condannano chi si è trovato costretto a difendersi da un’aggressione, mandano spensieratamente in giro stalker a uccidere le ex, colpevoli solo di averli lasciati. Ormai anche i comici prendono in giro la giustizia italiana sul tema della legittima difesa e il sempre intravisto “eccesso”. 

È infatti applicata la “proporzionalità” alla reazione all'aggressione, vista come se tutti gli aggrediti fossero forti ed esperti lottatori, in grado di sbaragliare con estrema facilità e a mani nude qualsiasi avversario armato e in sovrannumero, dosando le proprie forze per non fare troppo male ai poveri rapinatori colti nel pieno esercizio delle loro funzioni lavorative.

Il dilemma è: farsi massacrare ingiustamente o subire i rigori della magistratura altrettanto ingiustamente? Per questo non ho risposta.

Comunque sia, qualunque cosa vogliate fare per difendervi in casa, informatevi, documentatevi, parlate con degli esperti e soprattutto, preparatevi. Perché altrimenti la paura, ma soprattutto l'ignoranza, vi porteranno agli eccessi

Comunque sia, qualunque cosa vogliate fare per difendervi in casa, informatevi, documentatevi, parlate con degli esperti e soprattutto, preparatevi. Perché altrimenti la paura, ma soprattutto l'ignoranza, vi porteranno agli eccessi