Pubblicità
Sightmark Latitude 10-40x60 F-Class

La cartuccia di Murphy

Tempo di lettura
2 minuti
Letto finora

La cartuccia di Murphy

Postato in:

La prima legge di Murphy afferma che "se una cosa può andar male, lo farà". Sebbene si prendano tutte le precauzioni del caso, esiste sempre la possibilità che l'arma possa avere un malfunzionamento... ma non sempre e non necessariamente per colpa sua!

La cartuccia di Murphy

La prevenzione è l’unica forma di assicurazione contro i malfunzionamenti.

Le regole da seguire sono:

  • Utilizzare sempre armi perfettamente funzionanti, nuove o di cui si conosce la vita operativa.
  • Curare la manutenzione dell’arma pulendola dopo ogni volta che è utilizzata ( si spera spesso per addestramento) o comunque periodicamente.
  • Controllare le parti meccaniche dell’arma, sostituendo dopo un certo numero di colpi quelle che nel modello posseduto sono soggette a rottura.
  • Controllare lo stato dei caricatori.
  • Adottare tipo e marca di cartucce per difesa, solo dopo averne sparate diverse scatole, senza aver riscontrato nessun problema con l’arma in cui saranno impiegate. 
  • Se si vive in ambienti estremi, considerare la sostituzione periodica delle cartucce contenute nel caricatore.
  • Se si è abituati a scaricare la pistola giornalmente, controllare la cartuccia che viene tolta e reinserita ripetutamente nella camera di cartuccia. 

Come ripeto sempre nei miei articoli, i malfunzionamenti delle armi devono essere prevenuti.

Tutte le manipolazioni che si insegnano per tentare di rimettere in funzione un’arma, spesso non tengono conto delle tempistiche ridotte e delle distanze brevi, durante le quali avvengono gli scontri a fuoco. 

La cartuccia oggetto di questo articolo: nel bossolo, la sede dell'innesco è priva del foro di vampa. Notare il segno sul fondello, provocato dall'utensile utilizzato durante l'estrazione forzata

La cartuccia oggetto di questo articolo: nel bossolo, la sede dell'innesco è priva del foro di vampa. Notare il segno sul fondello, provocato dall'utensile utilizzato durante l'estrazione forzata

Certamente è meglio sapere come intervenire in caso l’arma faccia “click” o il bossolo resti incastrato tra la canna e l’otturatore ma in questi frangenti, quando l’avversario ci è addosso, forse l’unica soluzione e dargli la pistola in faccia con tutta la forza che abbiamo.

Detto questo può accadere che, nonostante la nostra accortezza, si verifichi l’imponderabile.

È il caso capitato a un tiratore, con una cartuccia che non ha sparato, perché... nel bossolo, la sede dell'innesco era priva del foro di vampa!

Notare la crimpatura della bocca del bossolo provocata dalla pressione sviluppata dalla capsula che ha spinto la cartuccia oltre il risalto interno della canna

Notare la crimpatura della bocca del bossolo provocata dalla pressione sviluppata dalla capsula che ha spinto la cartuccia oltre il risalto interno della canna

Fortunatamente il fatto è accaduto durante un allenamento in poligono.

Mentre un tiratore sparava, invece del classico rumore, si è udito il rumore secco prodotto dall’innesco, come nel caso in cui manchi la polvere nel bossolo.

La pistola è rimasta chiusa con il bossolo incastrato all’interno. Nessuna manovra eseguita a mani nude ha permesso di estrarre il bossolo. 

Tramite un attrezzo si è provveduto, non senza difficoltà, a estrarre il bossolo che risultava incastrato nel risalto della camera di cartuccia. In realtà la palla era ancora al suo posto mentre l’alveolo che alloggia l’innesco era vuoto.

Ad un esame visivo, è risultato che per difetto di fabbricazione, non era stato ricavato nell’alveolo il foro di vampa, occorrente al passaggio del dardo di accensione della polvere da sparo. 

Il percussore, colpendo la capsula aveva generato la vampa e relativa pressione che, non trovando sfogo, aveva spinto indietro quanto basta il carrello per far uscire la capsula stessa dall’alveolo, mandando nello stesso tempo in avanti la cartuccia a incastrarsi nella canna.  

La vista interna del bossolo. Durante il processo di lavorazione è completamente saltata la fase di foratura del fondello per ricavare il foro di vampa

La vista interna del bossolo. Durante il processo di lavorazione è completamente saltata la fase di foratura del fondello per ricavare il foro di vampa

Il bossolo in primo piano e a fianco la palla appena estratta con l'ausilio di un martello cinetico.

Il bossolo in primo piano e a fianco la palla appena estratta con l'ausilio di un martello cinetico.

il bossolo difettoso a confronto con uno che presenta il regolare foro di vampa

il bossolo difettoso a confronto con uno che presenta il regolare foro di vampa

Un malfunzionamento dovuto al bossolo senza foro di vampa è impossibile da prevedere e soprattutto da risolvere senza utilizzare qualche attrezzo per fare leva.

Certo, dopo aver sparato negli anni migliaia di cartucce e averne viste sparare ancora di più sulle linee di tiro, è la prima volta che mi capita di assistere a un malfunzionamento occorso a causa di un bossolo mal lavorato.

Probabilmente al tiratore non capiterà mai più di incappare in un simile problema ma come abbiamo visto, la legge di Murphy è sempre in agguato.