Pubblicità
Sabatti Rover rifles

Pistola semi-automatica FORT-20, la nuova "striker-fired" ucraina

Tempo di lettura
3 minuti
Letto finora

Pistola semi-automatica FORT-20, la nuova "striker-fired" ucraina

Postato in:

L'azienda ucraina FORT presenta una nuova pistola semi-automatica con scatto in singola azione a percussore lanciato e fusto polimerico: la semi-compatta FORT-20 mira ad inserirsi sui mercati militari, di Polizia e civili – in particolar modo nei Paesi emergenti

La RPC "SIA Fort", azienda di proprietà del Ministero dell'Interno ucraino, ha presentato la sua nuova pistola semi-automatica: é la FORT-20, una semiauto calibro 9 Para con fusto polimerico e scatto a percussore lanciato

La pistola semi-automatica FORT-20 calibro 9mm Parabellum è una delle più recenti creazioni dell'azienda ucraina RPC "Fort", di proprietà del Ministero dell'Interno di Kiev, di cui vi abbiamo già parlato in occasione del nostro articolo sulla recente presentazione della pistola-mitragliatrice FORT-230.

 

L'azienda (o più propriamente, come si fa definire, "Associazione scientifico-industriale"), nacque subito dopo la dissoluzione dell'URSS per produrre armi che equipaggiassero le Forze Armate e le Forze dell'Ordine della nuova Ucraina indipendente.

 

Da allora ha acquisito un significativo livello di Know-How soprattutto nella produzione di armi corte; sebbene nel corso degli anni la RPC "Fort" abbia diversificato la sua linea produttiva con il lancio di fucili a pompa, lanciagranate, armi lunghe automatiche e semi-automatiche, ed altri tipi d'equipaggiamento, le pistole rappresentano ancora oggi il suo Core Business.

Pistola semi-automatica FORT-20, la nuova "striker-fired" ucraina
Pistola semi-automatica FORT-20, la nuova "striker-fired" ucraina

Significativo è, inoltre, il fatto che il grosso della produzione di armi corte della RPC "Fort" avvenga su tecnologie di provenienza CZ, e che molte delle sue pistole si basino di fatto sul comprovato ed affidabile schema tecnico della CZ-75. Oltre al mercato interno, sia civile che professionale, l'azienda dedica la sua produzione anche all'export, sia verso i corpi dello Stato che verso i mercati civili, soprattutto nell'est Europa, nell'Asia centrale, nel Medio Oriente e in altri mercati emergenti.

 

Sotto questo punto di vista i prodotti della RPC "Fort" – e in generale dell'intera industria armiera ucraina – rappresentano un'alternativa alle realizzazioni occidentali, più costose e spesso molto difficili da ottenere.

 

La nuova FORT-20 è stata lanciata a metà di giugno, in occasione dell'expo "Arms and Security" di Kiev che ha visto anche la presentazione della nuova SMG FORT-230. Al momento il design sta terminando la fase di sperimentazione, e l'azienda dovrebbe far partire la produzione seriale agli inizi del 2022.

Pistola semi-automatica FORT-20, la nuova "striker-fired" ucraina

La FORT-20 non é la prima pistola con fusto polimerico proposta dall'azienda ucraina – tale titolo spetta alla FORT-17, lanciata nel lontano 2004 – né la prima striker-fired – dal 2018, infatti, la RPC "Fort" produce la FORT-28, interessante arma con sistema di chiusura "ibrida" in calibro 5,7x28mm; si tratta comunque di una realizzazione moderna, rispondente ai moderni canoni e alle tendenze del mercato per quanto riguarda sia le pistole per difesa/servizio che per gli impieghi sportivi.

 

La FORT-20 presenta una rotaia Picatinny sotto il Dust Cover per l'installazione di accessori tattici, e un'impugnatura con zigrinature antisdrucciolo su tutte le superfici di contatto e una serie di dorsalini intercambiabili per l'impugnatura. I comandi sono estremamente semplici: sicura al grilletto e leva di smontaggio bilaterale "tipo Glock", pulsante di sgancio del caricatore e leva di rilascio del carrello-otturatore in apertura sul solo lato sinistro, nessuna sicura manuale.

 

Il carrello della FORT-20 è invece macchinato in acciaio, e presenta scanalature anteriori e posteriori per il maneggio, mirino e tacca di mira con riferimenti circolari di colore bianco inserite in guide a coda di rondine e registrabili in deriva, e un indicatore che sporge leggermente dalla parte superiore, in coda alla finestra d'espulsione, per segnalare la presenza del colpo in canna.

 

Lo scatto della FORT-20 è in sola singola azione; la canna, lunga circa 4 pollici, presenta una rigatura poligonale con sei principi destrorsi, ma la FORT-20 sarà proposta anche in una versione "tattica" con una canna leggermente più lunga e munita di filettatura protetta da un dado amovibile, per l'installazione di freni di bocca per gli impieghi civili o di silenziatori per gli usi professionali.

La scheda tecnica della nuova pistola FORT-20 calibro 9 Parabellum

La scheda tecnica della nuova pistola FORT-20 calibro 9 Parabellum

La FORT-20 è lunga in tutto 18 centimetri, per un peso a vuoto di 750 grammi. I caricatori bifilari, realizzati in lamierino d'acciaio con fondello in polimero, sono disponibili in versione da 14 o 16 colpi. L'arma sarà disponibile in versione nera opaca o con finitura color sabbia.

 

In base a quanto visto fino a qui, possiamo affermare che la FORT-20 ha ottime possibilità di successo sui mercati di riferimento (per l'appunto, quelli "emergenti"): l'azienda ucraina é riuscita a partorire un prodotto tutto sommato semplice, in linea con le moderne tendenze del mercato, facile da utilizzare, e che con tutta probabilità avrà dalla sua il rapporto qualità-prezzo.

 

È un vero peccato che, in occidente, i prodotti della RPC "Fort" non riescano a trovare uno sbocco; per quanto riguarda l'UE c'è un distributore in Polonia, ma nulla di più vicino alle nostre parti. Confrontare, almeno sul campo, le prestazioni dei prodotti dell'azienda ucraina con quelli di armi proposte da marchi europei e nordamericani più blasonati potrebbe rivelarsi un'esperienza interessante.

VIDEO / Video review of the new FORT-20 pistol