• SDM M77 Commando: il bull-pup cinese

SDM M77 Commando: il bull-pup cinese

Tempo di lettura
6 minuti
Letto finora

SDM M77 Commando: il bull-pup cinese

Postato in:

È distribuito in Italia dalla Prima Armi il fucile semi-automatico SDM M77 Commando prodotto dalla Sino Defense Manufacturing: un bull-pup semplice e interessante

Prima Armi distribuisce lo M77 Commando, leggero e maneggevole bull-pup della Sino Defense Manufacturing

Nel 1997, l'Esercito cinese faceva sfoggio per la prima volta di un fucile d'assalto Bull-Pup di concezione relativamente semplice e moderna, sviluppato e prodotto localmente: il QBZ-95, camerato in un calibro leggera ad alta velocità proprietario, il 5.8x42mm.

Per l'esportazione verso i mercati militari internazionali, della stessa arma fu realizzata una versione – denominata QBZ-97 – camerata per la cartuccia standard NATO calibro 5.56x45mm e si alimentava tramite caricatori STANAG 4179; questa versione è stata venduta alle forze armate di Bangladesh, Birmania, Cambogia, Pakistan, Sri Lanka e Sudan.

Lo M77 Commando è la versione civile del fucile d'assalto cinese QBZ-97

Lo M77 Commando è la versione civile del fucile d'assalto cinese QBZ-97

Nel corso degli anni, la piattaforma QBZ-95/97 si è evoluta in diverse varianti, e alla fine degli anni 2000, l'industria armiera cinese – sempre più attenta alla domanda del mercato civile occidentale – ha partorito delle versioni semi-automatiche del sistema destinate ai tiratori sportivi e agli appassionati di armi.

I primi esemplari sono stati immessi sul mercato canadese nel 2008; più o meno sei anni dopo, sono arrivate anche in Europa. A distribuirle da noi è la Prima Armi S.r.l. di Pinasca (TO), che commercializza la carabina semi-automatica M77 Commando, prodotta sotto il marchio S.D.M. - Sino Defense Manufacturing.

Lo M77 Commando è un'arma corta e molto leggera, anche per la media dei bull-pup

Lo M77 Commando è un'arma corta e molto leggera, anche per la media dei bull-pup

Visita il sito del distributore Prima Armi

Il Bull-Pup... meno complicato

La S.D.M. M77 Commando è una versione civile della carabina automatica QBZ-97B – o NQZ03B (97) secondo alcune fonti – ovvero la versione corta per l'export del fucile d'assalto QBZ-97: un'arma pensata per l'impiego su distanze ravvicinate da parte di personale di polizia, forze speciali, operatori dei servizi di scorta VIP, personale di sicurezza a bordo di imbarcazioni militari, e molto altro ancora.

SDM M77 Commando, visto dal lato destro

SDM M77 Commando, visto dal lato destro

Lato sinistro dello SDM M77 Commando

Lato sinistro dello SDM M77 Commando

La peculiare impugnatura frontale integrale al fusto che sostituisce il guardamani

La peculiare impugnatura frontale integrale al fusto che sostituisce il guardamani

Il pozzetto del caricatore è compatibile con gli STANAG 4179, ovvero coi caricatori di tipo AR-15

Il pozzetto del caricatore è compatibile con gli STANAG 4179, ovvero coi caricatori di tipo AR-15

Un'occhiata ravvicinata al peculiare rompifiamma dello SDM M77 Commando

Un'occhiata ravvicinata al peculiare rompifiamma dello SDM M77 Commando

Saltano subito all'occhio le differenze tra lo S.D.M. M77 Commando e le sue versioni militari, sia Full-Size che compatte.

A differenza della carabina corta a raffica QBZ-97B, infatti, lo S.D.M. M77 Commando presenta una canna ragionevolmente più lunga – 365mm, che porta la lunghezza totale a 62 centimetri.

Ciò è dovuto al fatto che nella maggior parte del Paesi europei, dato il recepimento della direttiva UE armi da fuoco, per qualificarsi come arma lunga un modello deve essere più lungo di 60 centimetri ed avere una canna più lunga di 30 centimetri.

Per il resto, lo S.D.M. M77 Commando riprende in pieno l'architettura dell'arma originale: il castello è in metallo, e ad esso è imperniata la canna con relativo sistema di recupero gas. Il poggiaguancia e i due "semicastelli" superiore ed inferiore – il primo integrante l'ampia maniglia di trasporto, il secondo comprendente la doppia impugnatura e il grilletto, con relativa e semplice barra di scatto – sono in polimero ad alta resistenza.

La manetta d'armamento dello M77 Commando è protetta dalla maniglia di trasporto

La manetta d'armamento dello M77 Commando è protetta dalla maniglia di trasporto

La manetta d'armamento funge anche da leva di sblocco dell'otturatore in apertura

La manetta d'armamento funge anche da leva di sblocco dell'otturatore in apertura

Seppure un po' "retrò" nella posizione, la manetta d'armamento è facile da maneggiare

Seppure un po' "retrò" nella posizione, la manetta d'armamento è facile da maneggiare

La manetta d'armamento dello S.D.M. M77 Commando, che funge anche da sistema di rilascio dell'otturatore in apertura (Hold Open), è solidale al pistone di riarmo ed è protetta dalla maniglia di trasporto, la quale integra la tacca di mira regolabile per l'ingaggio su diverse distanze. La sicura a due posizioni si trova in coda al calcio, sul lato sinistro, mentre il pulsante per il rilascio del caricatore si trova su quello destro.

La torretta del mirino presenta anche il regolatore del gruppo di presa gas

La torretta del mirino presenta anche il regolatore del gruppo di presa gas

L'unico altro comando dell'arma è presente alla base della rampa del mirino: si tratta della valvola che consente la regolazione su due posizioni (1 e 2) del sistema di presa gas. Lo M77 Commando impiega un pistone a corsa lunga per il riarmo dell'otturatore a tre tenoni di chiusura con testina rotante – un otturatore dal Design proprietario, caratterizzato da numerose caratteristiche uniche, non ultimo il fatto che quest'arma è uno dei pochi esemplari di Black Rifle a percussore lanciato.

Lo smontaggio avviene tramite la rimozione di un perno passante posizionato sul calcio, che consente la rimozione del poggiaguancia e del calciolo ammortizzato in gomma, e di conseguenza l'estrazione del gruppo-otturatore e del pistone dalla cassa.

Fatto ciò, è possibile rimuovere un secondo perno passante posto poco dietro l'impugnatura per svincolare e rimuovere i due gusci anteriori in polimero, di fatto realizzando lo smontaggio completo in grande semplicità. Le componenti sono davvero poche, e ancora di più sono quelle tanto piccole da potersi eventualmente perdere.

Lo M77 Commando al tiro

Lo SDM M77 Commando al tiro

Lo SDM M77 Commando al tiro

Lo M77 Commando della S.D.M. ha molti lati positivi che, a prima vista, non saltano all'occhio. Anzitutto, la sensazione al tiro è molto piacevole, e lo scatto – seppur lungo – è molto leggero e non presenta ruvidità.

Il rinculo percepito è decisamente più basso di quello che ci si aspetterebbe, pur essendo un calibro .223 Remington, grazie anche al peculiare rompifiamma a tromboncino con base cilindrica (denominato XTR-33) che fa parte integrante del sistema di presa gas, è avvitato alla volata e assicurato da un tubo metallico con guida a molla che corre parallelamente alla canna in coda ad esso.

Nell'arma si fa largo uso di polimeri.

Nell'arma si fa largo uso di polimeri.

Abbiamo provato lo SDM M77 Commando in modo molto sommario e istintivo, proprio per poter raccogliere delle impressioni realistiche sul comportamento dell'arma.

Nella foto: due rosate realizzate utilizzando le mire aperte dell'arma.

Sinistra, rosata di 5 colpi a 15 metri, tiro rapido istintivo

Destra, rosata di 3 colpi a 25 metri, tiro mirato

La finestra d'espulsione si trova solo sul lato destro

La finestra d'espulsione si trova solo sul lato destro

E ancora: sebbene la finestra d'espulsione si trovi sul solo lato destro, i bossoli vengono espulsi energicamente in avanti e verso l'alto. Una complicazione per chi vorrebbe poterli recuperare facilmente, un sollievo per chi vuole essere ragionevolmente sicuro di poter provare a sparare dalla spalla sinistra.

Inoltre, il peso dell'arma è ben bilanciato, cosa molto rara nella categoria dei Bull-Pup, e la precisione è migliore di quel che ci si potrebbe immaginare vista la canna con sei rigature destrorse e passo di 1:7.

L'architettura dello M77 Commando contribuisce non poco a un buon bilanciamento dei pesi

L'architettura dello M77 Commando contribuisce non poco a un buon bilanciamento dei pesi

Come tutte le armi, anche lo S.D.M. M77 Commando non è scevro da difetti, ed essendo GUNSweek.com un Media completamente indipendente, non abbiamo remore ad esaminarli.

I primi lotti importati in Italia sono stati caratterizzati da ripetuti e gravi inceppamenti, e da un generale problema di "capricciosità" a seconda del caricatore impiegato. La Prima Armi ha provveduto al richiamo in azienda degli esemplari difettosi e alla sostituzione di estrattore ed espulsore, e l'intervento ha risolto i problemi, che non si sono più presentati sui lotti successivi. A Prima Armi vanno riconosciute una serietà e una dedizione nei confronti del cliente che oggi si vedono raramente nel settore.

Uno dei "punti deboli" dello schema tecnico dell'arma: è sensibile al tipo di caricatori utilizzato

Uno dei "punti deboli" dello schema tecnico dell'arma: è sensibile al tipo di caricatori utilizzato

I caricatori STANAG metallici e i polimerici meno spessi come i MagPul P-MAG continuano ad essere la scelta migliore per lo M77 Commando, mentre con altri caricatori in polimero presenti sul mercato si hanno problemi d'inserimento dovuti alle dimensioni tipicamente militari del pozzetto del caricatore. Il problema si può risolvere utilizzando caricatori un po' consunti, oppure alleggerendo artificialmente la struttura degli stessi con un qualsiasi strumento.

Le mire possono essere considerate problematiche per alcuni utenti: il piano di mira presenta infatti un profilo molto basso, essendo direttamente derivato dall'assetto delle mire dell'arma militare, che a sua volta è stato concepito in base all'anatomia-tipo del soldato cinese, che è molto più basso di statura rispetto all'occidentale medio.

Il mirino è regolabile in elevazione e deriva, ma richiede uno strumento del tipo utilizzato per il settaggio delle mire di tipo AK.

Il piano di mira dello M77 Commando presenta un profilo un po' troppo basso per le proporzioni del tiratore medio occidentale

Il piano di mira dello M77 Commando presenta un profilo un po' troppo basso per le proporzioni del tiratore medio occidentale

Lo M77 Commando al tiro istintivo: ottima maneggevolezza

Lo M77 Commando al tiro istintivo: ottima maneggevolezza

La rampa per ottiche dello M77 Commando è di tipo proprietario

La rampa per ottiche dello M77 Commando è di tipo proprietario

Sulla maniglia di trasporto è presente una guida per l'installazione di ottiche di puntamento, ma si tratta di una guida proprietaria per l'impiego di ottiche militari cinesi; questo problema è stato risolto già da anni da alcune aziende canadesi che producono basi Picatinny da installarsi sulla stessa – e questo tipo d'interfaccia è oggi disponibile anche ai tiratori europei tramite la Prima Armi.

Definire lo M77 Commando "spartano" è dire poco – tanto che l'arma non presenta neppure le interfacce per accessori tattici tipiche della maggior parte delle armi moderne.

La doppia impugnatura dello M77 Commando, una delle sue caratteristiche più peculiari

La doppia impugnatura dello M77 Commando, una delle sue caratteristiche più peculiari

La sicura manuale si trova sul calcio, dietro il pozzetto del caricatore, sul lato sinistro

La sicura manuale si trova sul calcio, dietro il pozzetto del caricatore, sul lato sinistro

Una soluzione che l'utente può adottare per ovviare al problema è utilizzare delle interfacce generiche aftermarket come ce ne sono tante disponibili sul mercato.

Lo S.D.M. è rustico e semplice... e funziona perfettamente, soprattutto da quando i problemi dei primi lotti sono stati risolti. Lo smontaggio per la pulizia e la manutenzione è semplicissimo, l'alimentazione avviene tramite caricatori di facile (e poco costosa) reperibilità, la precisione è soddisfacente, e la classificazione (13_01440s1) è da arma sportiva.

S.D.M. M77 Commando - Specifiche

Produttore

S.D.M. - Sino Defense Manufacturing

Distributore

Prima Armi S.r.l.

www.primarmi.it

Modello

M77 Commando

Tipologia

Fucile semi-automatico

Calibro

.223 Remington

Azione

Semi-automatica, recupero di gas indiretto tramite pistone a corsa lunga regolabile

Sistema di scatto

Singola azione, stadio singolo, a percussore lanciato

Sicura

Manuale che interviene sulla catena di scatto

Capacità

Caricatori STANAG 4179 (tipo AR-15) di qualsiasi capacità

Canna

365 mm

6 rigature destrorse con passo di 1:7, rompifiamma a tromboncino con base cilindrica (XTR-33)

Organi di mira

Tacca di mira regolabile per l'ingaggio su distanze variabili; mirino regolabile in elevazione e deriva

Predisposizione per il montaggio di ottiche

Lunghezza totale

610 mm

Peso (vuoto)

2,9 chilogrammi

Materiali / Finiture

Cassa e canna in acciaio inossidabile; poggiaguancia e chassis superiore e inferiore in polimero

Prezzo

1399 euro