Pubblicità
Sightmark Latitude 10-40x60 F-Class

Elezioni U.I.T.S. 2016: inizia il confronto fra i candidati

Tempo di lettura
4 minuti
Letto finora

Elezioni U.I.T.S. 2016: inizia il confronto fra i candidati

Postato in:

Il prossimo 22 ottobre si terranno le elezioni per il rinnovo di tutte le cariche del Direttivo U.I.T.S.. Succederà qualcosa di realmente nuovo, o si continuerà nella stessa direzione? (dritti verso il burrone...)

Tiro a Segno Nazionale (in un'immagine promozionale del 1862)

Le elezioni del prossimo 22 ottobre decideranno la struttura del Direttivo UITS per il quadriennio 2017-2020. L'Unione Italiana Tiro a Segno, in estremo bisogno di "rigenerarsi senza cambiare nulla", chiederà a tutti i Presidenti del Tiro a Segno di dichiarare le loro preferenze.

La dirigenza UITS è eletta dai Presidenti delle Sezioni del Tiro a Segno Nazionale

La dirigenza UITS è eletta dai Presidenti delle Sezioni del Tiro a Segno Nazionale

Ora sarà tutta da vedere, se anche questa volta, i Presidenti TSN eleggeranno le persone sbagliate e si lamenteranno poi per i successivi 4 anni (o più...). Ma come abbiamo visto negli scorsi anni, i Presidenti TSN hanno serie difficoltà nel riuscire a identificare dirigenti capaci di guidare nei fatti (non nelle parole) una macchina complessa come quella UITS.

L'attuale Presidente UITS, Ing. Ernfried Obrist

L'attuale Presidente UITS, Ing. Ernfried Obrist

Alla fine, il rischio è che i Presidenti TSN si perdano dietro a finte cordate create ad hoc la sera prima per disperdere i voti, permettendo così ai veterani "dell'inciucio" di rinnovare la dirigenza UITS, certo, ma senza cambiare nulla.

Guardando ai fatti, anziché le chiacchiere: i soldi per il Tiro a Segno Nazionale non ci sono, e le Sezioni TSN stanno lentamente morendo, schiacciate dalle responsabilità istituzionali, l'incapacità di rinnovarsi ai giovani e attrarre nuovi iscritti, ma anche, bisogna dirlo, malamente guidati dalla dirigenza UITS, molto focalizzata sulle discipline olimpiche, ma decisamente troppo poco sui doveri istituzionali del Tiro a Segno Nazionale e i suoi crescenti problemi.

 

Detto questo - perché da professionisti del settore armi, crediamo fermamente nell'Istituto del Tiro a Segno Nazionale - vi segnaliamo che proprio questa mattina si è palesato il primo candidato alla Presidenza UITS, di cui su questa pagina vi pubblichiamo la presentazione che ci è stata inviata.

Ammettiamo che la cosa ci ha colti di sorpresa, proprio per via della persona e delle sue competenze specifiche, da sempre molto proiettate verso il TSN dei Presidenti. 

VIDEO / Presentazione del Candidato Presidente UITS 2017-2020 - Pierluigi Borgioni

 

Il primo candidato (in termini cronologici) è infatti il Dott. Pierluigi Borgioni, che mette in campo le sue competenze per affrontare il Presidente UITS Ernfried Obrist, in carica già da... molto tempo.

Diciamo che le competenze personali del nuovo candidato rendono il confronto particolarmente interessante, soprattutto perché, dal nostro punto di vista, siamo molto interessati a capire quale sarà il suo programma di lavoro, ovvero: realmente orientato al recupero di efficienza delle Sezioni TSN e tutela dell'autonomia decisionale dei suoi Presidenti? al momento non lo sappiamo, ma vi promettiamo che chiederemo al candidato un'intervista, dove dichiarare in modo più completo quanto vediamo solo abbozzato nel comunicato che vi proponiamo in questa pagina.

Comunque sia, a decidere gli esiti delle ormai prossime elezioni UITS sarà solo la "reale volontà" (se ci sarà) da parte dei singoli Presidenti TSN a voler risolvere i gravi problemi del Tiro a Segno Nazionale. I loro problemi.

Come dice il proverbio "chi sbaglia paga". E questo vale anche per i Presidenti del TSN, come dimostrano le loro casse sempre più vuote e i moltissimi impianti di tiro ormai inagibili, in molte Sezioni italiane.

Proprio oggi abbiamo pubblicato un articolo su recenti gravi fatti che hanno interessato le sezioni di Palmi e Roccella Jonica. Non lo abbiamo fatto per preparare il terreno alla propaganda di una fazione piuttosto che l'altra.

No. L'articolo è stato pubblicato perché tratta di fatti di attualità, che interessano TUTTI i Presidenti del TSN, nessuno escluso: perché se simili fatti accadono, senza che l'UITS sappia trovare un modo efficace per "vigilare" e "trovare soluzioni", la responsabilità di tutto questo non è della dirigenza UITS, ma della base che l'ha eletta.

"Staremo a vedere", si usa dire. Ma limitarsi a continuare a stare a vedere il completarsi di uno scempio, non è una bella cosa...

In bocca al lupo a tutti i candidati, e che vinca... il Tiro a Segno Nazionale! (e la ragione)

 

--------------------------------------------------

Comunicato di presentazione del candidato Presidente U.I.T.S., così come ricevuto dal Comitato promotore ALTERNATIVA TSN-UITS

Elezioni U.I.T.S.

PER IL QUADRIENNIO 2017-2020

Presentazione del candidato Presidente

per il Comitato ALTERNATIVA TSN-UITS

Il candidato Presidente che si è proposto per “l’A.L.T.E.R.N.A.T.I.V.A.” è una figura super partes di grande esperienza in tutto ciò che riguarda le armi e le normative che ne regolano la detenzione e l’impiego, comprese le attività sportive ad esse collegate.

Ma soprattutto, il candidato è un profondo conoscitore del mondo del Tiro a Segno Nazionale e di tutte le attività istituzionali di responsabilità dell’UITS e delle Sezioni TSN.

Il candidato è il Dott. Pierluigi Borgioni, 52 anni, nato e residente a Roma, una laurea in Giurisprudenza, funzionario della Polizia di Stato in servizio presso la Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Roma.

Il candidato Dott. Pierluigi Borgioni si prefigge innanzitutto di recuperare efficienza operativa tanto all’interno della gestione quotidiana UITS, quanto in quella delle Sezioni TSN, molte delle quali bloccate da problematiche legate all’inagibilità degli impianti.

Fra i principali obiettivi del programma di lavoro del candidato Dott. Pierluigi Borgioni troviamo proposte concretamente realizzabili di riorganizzazione su:

  • Presidio fisico su Roma del Presidente su tutte le attività gestionali UITS
  • Gestione dei rapporti fra UITS e gli organi istituzionali dello Stato
  • Tutela autonomia decisionale delle Sezioni TSN rispetto alla gestione UITS
  • Risoluzione delle difficoltà operative delle Sezioni TSN
  • Completo recupero del ruolo istituzionale del TSN
  • Potenziamento del supporto giuridico che UITS deve fornire alle Sezioni TSN
  • Ridefinizione dell’attività sportiva per una maggior efficienza delle Sezioni TSN
  • Revisione del bilancio federale in un’ottica di maggior trasparenza 

Ciascuna di queste attività prevede a sua volta un preciso piano di interventi specifici e mirati, da attuare nel tempo, secondo una scaletta di priorità in testa alla quale resta comunque il recupero di efficienza e la tutela dell’autonomia operativa delle Sezioni del TSN.

In generale, il candidato Presidente Dott. Pierluigi Borgioni si attiverà con l’aiuto del Consiglio Direttivo UITS, dell’ufficio giuridico-legale e delle commissioni preposte, per la revisione di molti altri aspetti interni alla gestione UITS.

In particolare, per adeguare l’UITS alle necessità dei tempi e del ruolo di vigilanza che nella sua qualità di Ente Pubblico l’Unione è chiamata ad esercitare sulle attività istituzionali delle Sezioni TSN, alle quali tuttavia, dichiara il candidato, dovrà essere restituita piena autonomia decisionale nella gestione di tutti i compiti istituzionali che la legge assegna loro, senza inutili ingerenze da parte UITS.

Ci auguriamo sinceramente che il mondo del Tiro a Segno Nazionale sappia trarre vantaggio dalla candidatura di un uomo dotato di oggettiva esperienza come il Dott. Pierluigi Borgioni.

 

Il Comitato ALTERNATIVA TSN-UITS

www.tsnuitsalternativa.it